Entra in Talent Garden
it

Frontiers of Interaction raccontato da chi l’ha vissuto: la parola a VoiceMap,miglior startup #Foi13!

Luci spente ormai sul palco di Frontiers of Interaction 2013, tenutosi a Milano il 24-25 ottobre e considerato uno dei più importanti ed innovativi appuntamenti per gli affamati di tecnologie nomadi, design e mobile. Una nuova edizione, la nona, dedicata ai “game changers” che ha visto alternarsi sul palco ospiti internazionali e performance live da togliere il respiro. Alcuni nomi giusto per far capire di cosa stiamo parlando: Dave Gray (Fondatore di Liminl), Ben Hammersley (Editor at Large, Wired UK) e il super ospite Richard Saul Wurman, creatore delle conferenze TED.

Su questo stesso palco si sono fatti posto, in punta di piedi, i nostri ragazzi di VoiceMap, abitanti di TAG MILANO premiati come “miglior startup #foi13″, aggiudicandosi così la possibilità di presentarsi alla platea presente con un breve pitch. E l’hanno fatto a modo loro, presentando una “VoiceMap” dedicata all’occasione, che vi riproponiamo…proprio quassù : )

Ecco cosa hanno raccontato a noi di Talent Garden:

1_ VoiceMap miglior startup al Foi13, salite sul palco e….raccontateci la vostra esperienza vissuta in questo importante appuntamento.

Per noi Foi13 è stato un appuntamento positivo sotto tutti i punti di vista. Appena è iniziato abbiamo capito subito che eravamo nel posto giusto. Tante persone letteralmente entusiaste del progetto e intenzionati a lavorare con noi sono la migliore energia per andare avanti. Senza contare la chiacchierata con Dave Gray (autore di Game Storming) letteralmente illuminante. Mentre passava il tempo ci rendevamo conto che potevamo vincere, ma non sapevamo come avrebbero votato i giudici.
Alla fine è andata bene e l’abbiamo spuntata! Classico pitch in 3′, ma con una platea  eterogenea e un palco decisamente sopra la media sono una bella esperienza che ci portiamo a casa consapevoli che c’è ancora tanto da fare.

2_ Tanto ancora da fare, ma ad oggi quali i traguardi e gli step più importanti nel vostro percorso di startup innovativa?

Abbiamo vissuto tre fasi: studio, setup e sviluppo business. Nella prima fase durata diversi mesi abbiamo prototipizzato e rilasciato un MVP approfondendo il “graphic recording”. Una disciplina usata per rappresentare le idee mescolando immagini e testi per mettere in evidenza le relazioni tra i concetti. Questa tecnica è normalmente usata in riunioni, seminari, conference e workshop dove un facilitatore grafico registra i concetti espressi. Disegna in tempo reale in una lavagna visibile ai presenti. Non è stato facile trovare un canale sul quale testare l’idea e per questa ragione abbiamo perso parecchio tempo,  ma dopo abbiamo cominciato ad avere qualche risultato incoraggiante. Definito meglio il prodotto abbiamo preso la direzione del servizio “as a service“. Il cliente manda un audio, uno script o un semplice brief e noi pensiamo a tutto il resto creando la voicemap che poi il cliente userà nella sua comunicazione interna o esterna dipende da lui. VoiceMap ltd è stata lanciata ufficialmente a marzo 2013. Anche questo non è stato un percorso privo di insidie. Identificare i partner giusti fuori dal tu paese di origine non è semplice. E’ stato però interessante capire come funziona un altro paese. Ora siamo in pieno sviluppo del business, ma sempre con un orecchio attento a quello che ci suggerisce il mercato e nelle prossime settimane ci sono in arrivo un po’ di novità.

3_VoiceMap nasce con doppia sede: Italia (Milano) – Inghilterra (Londra): cosa vuol dire per una startup innovativa vivere in Italia? Ritieni che in questo momento l’estero offra più opportunità o stimoli?

Oggi viviamo in un mondo multiculturale aperto dove l’informazione circola costantemente. Le aziende italiane devono imparare ad essere aperte loro stesse. Londra per noi è una scelta culturale e legale. Volere essere internazionali dal giorno uno sforzandoci di essere una realtà europea. Non secondario la necessità di poter accedere al più consolidato diritto anglosassone per la gestione del fund raising e della contrattualistica internazionale.

4_In Italia, siete nostri abitanti Talent Garden, presso la sede di Milano, cosa vi ha portato da noi? Credi che per una startup innovativa e creativa come la vostra possa essere un valore aggiunto risiedere all’interno di uno spazio di coworking?

VoiceMap crede nel networking del day by day per questa ragione frequentiamo diversi co-working: TechHub a Londra, Talent Garden e Impact Hub a Milano. TAG ha una forte vocazione al digitale e per noi è stata una scelta naturale usarlo come base milanese. Abbiamo incontrato tante persone con competenze diverse, ma tutti con tanta voglia di fare la differenza.

5_Quali consigli ritieni di poter dare ad un giovane creativo che vorrebbe avviare una propria idea imprenditoriale in Italia?

La cosa più importante sono competenze verticali su un settore, tanto pragmatismo, una buona versatilità e qualche soldo in tasca. Se non avete denaro evitate di fare gli imprenditori. Lavorate per qualcuno per un po’ e mettete da parte il necessario. Il resto si impara sul campo dai propri errori…

6_Concludiamo con una domanda quasi di rito: obiettivi futuri di VoiceMap?

Stiamo aprendo il nostro progetto a tutti i graphic recorder o aspiranti tali interessati ad avere uno showcase dei loro lavori sulla nostra piattaforma usando il player e l’editor di voicemap. Altre novità in cantiere, ma è prematuro parlarne vi tocca iscrivervi alla
nostra newsletter su www.voicemap.io!

….Stay tuned!

Entra in Talent Garden
Il mio indirizzo di email è
Vorrei
Di
Aggiungo che…