ENTRA IN TALENT GARDEN
it

Mobilità alternativa e green: a Supernova arriva VeloBenàco

Velobenaco

Manca poco più di un mese al Festival Supernova di Brescia: dal 29 settembre al 2 ottobre la città si farà teatro del festival itinerante che apre al grande pubblico la cultura dell’innovazione e della creatività. L’1 e il 2 ottobre Corso Zanardelli ospiterà il meglio dell’industria bresciana e le grandi aziende internazionali, affiancate dalle idee innovative di giovani startup. E sono proprio queste startup che vogliamo raccontarvi: iniziamo da VeloBenàco con il suo progetto di mobilità alternativa.

Coniugare salute, attenzione per l’ambiente e comodità: l’idea viene dal Nord Europa, ma finalmente c’è chi ha pensato di trasferirla da noi. Un velomobile, mezzo a pedali completo di frecce, fari, clacson, bagagliaio, tettuccio apribile e pedalata assistita, che diventa veicolo ideale e alternativo ad automobili e scooter, di facile utilizzo e confortevole anche per anziani e persone portatrici di leggere disabilità. I ragazzi di VeloBenàco (startup che dedica il suo nome alle bellezze del territorio bresciano) con il loro Cabriovelo presentano la loro idea per un nuovo modo di spostarsi pedalando, puntando ad una mobilità sostenibile, salutare e pulita.

Abbiamo fatto due chiacchiere con David De Regibus, anima del progetto insieme ad Alessandro Mino e Fabrizio Fina.

Com’è nata l’idea di VeloBenàco e del Cabriovelo?

Tutto è nato durante un viaggio in Danimarca durante il quale abbiamo incontrato il primo costruttore al mondo di velomobili, Carl Georg Rasmussen. Ci siamo recati presso la sua officina e lui, vedendoci così interessati alla sua mission, ci propose di partecipare al programma “Erasmus for Young Entrepreneurs”. Mi candidai e ottenni un periodo di tirocinio presso di lui finanziato dall’Unione Europea con l’obiettivo di conoscere e imparare il lavoro per intraprendere un’idea di business, da sviluppare poi con Alessandro e Fabrizio: la VeloBenàco.

Come mai proprio un progetto che abbracciasse i temi di mobilità e sostenibilità?

Siamo convinti che per l’individuo sia conveniente sfruttare le proprie risorse e le proprie forze per il trasporto personale, piuttosto che andando in palestra o impegnandosi in noiose corse a vuoto. Solo impiegando le risorse in questo modo i benefici che ne trarrà saranno tanto fisici quanto mentali ed economici, in maniera quanto mai completa. Ne facciamo dunque in primis una questione filantropica, che è però immediatamente anche ambientale e sociale: ne gode l’ambiente in termini di inquinamento atmosferico e acustico, ne gode la salubrità del corpo e della mente, ne gode la società, più serena, e ne gode la spesa pubblica. Spostandoti con un Cabriovelo sei sostenibile a 360 gradi: verso te stesso e il tuo portafoglio, verso l’ambiente e verso il prossimo.

E quali sono i motivi che vi hanno spinto a partecipare a Supernova?

Ci è stato subito chiaro come Supernova rappresenti una grande opportunità per giovani aziende innovative che hanno l’obiettivo di far conoscere la propria mission e la propria vision al fine di trovare le finanze necessarie col contributo di qualcuno che apprezzi l’idea e vi creda. Riteniamo che questo evento contribuirà significativamente alla ricerca di sponsor e business angels, oltre che al miglioramento del nostro network tra le tante e belle realtà del territorio.

Prossimi obiettivi? Ci anticipate qualcosa?

Ora l’obiettivo primario è la ricerca di fondi e finanziamenti per promuovere l’iniziativa (imprenditoriale, ambientale e sociale). A tal proposito stiamo lavorando ad una campagna di crowdfunding di tipo “reward” per ottenere liquidità e preordini; a seguire passeremo al crowdfunding “equity” e più in generale alla ricerca di investitori.

Leggi anche:

A Supernova Brescia va in scena il futuro di tecnologia e innovazione

Entra in Talent Garden
Il mio indirizzo di email è
Vorrei
Di
Aggiungo che…