ENTRA IN TALENT GARDEN
it

Coworking: 5 trend del 2018

Il 2017 ha segnato un boom nel settore del coworking. Il numero di spazi dedicati al lavoro condiviso è infatti cresciuto in maniera esponenziale, insieme alla quantità di professionisti ed aziende che ogni giorno scelgono un’alternativa all’ufficio tradizionale. Se da un lato aumenta il numero di freelance, dall’altro si allarga l’offerta di spazi di lavoro creativi, caratterizzati da community spesso di nicchia ma accomunate da interessi e competenze.

Quali saranno quindi i trend di questa industria nel 2018? Eccone 5

1. Aumento della domanda

Si stima che il 50% della popolazione lavorerà in modo indipendente entro il 2020. Se ciò avverrà, la domanda di spazi condivisi continuerà a crescere rapidamente nel prossimo anno. Secondo alcune stime, potrebbero esserci fino a 37.000 spazi di coworking in tutto il mondo entro la fine del 2018. Negli ultimi anni, il coworking è diventato simbolo di community, connettività, efficienza e networking. Senza sottovalutare il fattore risparmio: condividere lo spazio di lavoro è infatti un’alternativa economicamente vantaggiosa rispetto all’ufficio tradizionale. Il 2018 si preannuncia quindi un anno di ulteriore crescita.

Cinecittà Opening_2

2. Benessere

Un’altra tendenza del prossimo anno è rappresentata dall’attenzione alla salute, sia mentale che fisica. Oltre ai benefici fisici legati all’offerta di corsi di allenamento o yoga all’interno di certi spazi di lavoro condivisi, il coworking rappresenta una scelta salutare a livello interpersonale. Lavorare da casa o in uffici tradizionali può infatti creare isolamento, mentre scegliere il coworking significa entrare a far parte di community di persone con cui condividere competenze e passioni.

3. Grandi aziende

Gli spazi di coworking ospitano principalmente piccole imprese, liberi professionisti e imprenditori. Tuttavia, anche le aziende più grandi hanno iniziato ad abbracciare questa tendenza, realizzando il valore aggiunto di lavorare in team interfunzionali anziché in strutture più tradizionali. Non solo operare in uno spazio condiviso offre alle grandi aziende un’alternativa più economica per testare idee nuove e innovative, ma offre anche un accesso immediato ad altre piccole imprese e ai liberi professionisti. Colossi come Facebook, Google, Eni e Cisco sono entrati nel mondo del coworking nel 2017 e questa tendenza continuerà certamente nel 2018.

cisco-10 copia

4. Luoghi inaspettati

Nell’immediato futuro sarà sempre più comune trovare spazi di coworking pop-up in luoghi inaspettati. Verizon ha in programma di convertire 150 edifici che un tempo ospitavano linee fisse e operatori a New York, Boston, Philadelphia e D.C. Un nightclub di Philadelphia ha invece trasformato il proprio spazio in un coworking durante i giorni feriali. Crescono anche gli spazi accanto a punti di ristoro o a luoghi ricreativi, a beneficio dei pendolari che camminano o utilizzano i mezzi pubblici per arrivare in ufficio.

5. Tecnologia

Certamente la tecnologia non rappresenta una nuova tendenza, ma la velocità con cui cresce, specialmente in questo settore, è incredibile e non sarà da meno nel 2018. Avanzamenti come accesso in tempo reale, accesso senza chiave, automazione tramite app (fatturazione, controllo, login di rete, prenotazione meeting room, controllo della temperatura, ecc.) diventeranno elementi sempre più chiave nell’utilizzo degli spazi di coworking.

TAG_20giugno_low-51

Fonte: WUN Systems

Leggi anche: Nuova partnership tra TAG Innovation School ed Editrice la Scuola

Entra in Talent Garden
Il mio indirizzo di email è
Vorrei
Di
Aggiungo che…