Prototipazione: 10 tool fondamentali per creare mockup e interfacce

Beklager, denne artikel er kun tilgængelig i Italiensk.

Una delle frasi più popolari nel mondo del design appartiene a IDEO, che afferma: “Se un’immagine vale più di mille parole, un prototipo vale mille incontri”.
Che si tratti semplicemente di sperimentare o di trasformare la tua visione in qualcosa di tangibile, i prototipi (bassa, media o alta fedeltà) aiutano a testare e costruire preservando la coerenza complessiva del progetto.

Prototyping

Le aziende utilizzano la prototipazione per validare le proprie supposizioni di business con un pubblico selezionato prima del lancio sul mercato. Questo processo permette di risparmiare moltissimo tempo e denaro, oltre a preservare la propria credibilità e immagine evitando di lanciare sul mercato prodotti/servizi non in linea con le esigenze dei consumatori. 

In Talent Garden aiutiamo imprese e organizzazioni a ideare nuove soluzioni digitali e a validarle in maniera semplice ed efficace attraverso percorsi che permettono ai team coinvolti di esplorare da vicino strumenti e metodologie, e di sviluppare un mindset orientato all’innovazione e alla sperimentazione.

Per farlo utilizziamo strumenti digitali come piattaforme e app che permettono ai nostri Partner e clienti di dar vita alle proprie idee. 

Fornire mockup e prototipi con design interattivo aiuta infatti l’azienda a capire e validare le soluzioni emerse durante le fasi di co-design e progettazione. Sottoporre ai propri utenti e stakeholder i modelli prodotti aiuterà il team di progettisti a migliorare e a scegliere la via da intraprendere. 

Questa fase diventa il cosiddetto proof of concept, fondamentale per mostrare all’azienda come le idee vengono percepite dagli stakeholder o quali cambiamenti richiedono per migliorare ulteriormente.

Come scegliere un tool di prototipazione

Il web è pieno di tool utili per la prototipazione, e la scelta tra questi dipende da un mix tra Fedeltà, Compatibilità, Collaborazione e Costo.

Fedeltà

In base al requisito classifichiamo il prototipo in tre categorie di fedeltà:

Bassa: progetti in cui vogliamo solo testare o presentare un’idea.

Media: progetti in cui è necessario enfatizzare il layout, l’interazione di progettazione e le informazioni fornite.

Alta: progetti incentrati principalmente sulla progettazione grafica del layout, dell’animazione e delle interazioni.

Compatibilità

Quando scegliamo uno strumento dobbiamo sempre tenere d’occhio la sua compatibilità con gli altri tool utilizzati durante le fasi di progettazione. Questo aspetto è fondamentale per velocizzare il lavoro.

Collaborazione

Fondamentale è la collaborazione all’interno del team di progetto. Oggi molti degli strumenti che vengono usati permettono di lavorare in maniera sinergica anche tra componenti del team che vivono e lavorano in città diverse. Collaborare è uno degli aspetti fondamentali del design thinking; gli strumenti devono quindi agevolare l’interazione umana e favorire la ricerca e la creatività.

Costo

Ultimo ma non ultimo, il costo è uno degli aspetti che dobbiamo prendere in considerazione, e spesso è uno dei fattori chiave. Fedeltà, compatibilità e collaborazione avranno sempre come driver anche il costo, un elemento imprescindibile nella scelta del tool.

10 tool di co-design e prototipazione

1. Miro

Che si stia lavorando insieme nello stessa stanza, distribuiti o completamente da remoto, Miro offre un’esperienza di collaborazione personale, intuitiva e coinvolgente, con più opzioni per il lavoro di squadra in tempo reale o asincrono su una lavagna online. Miro viene usato durante i workshop di ideazione, per prendere appunti, definire concetti, disegnare flussi o mappe mentali. Lo strumento ideale nelle fasi di brainstorming o concept definition.

2. Mural

Come Miro, anche questo strumento serve per la collaborazione visuale.
Mural consente ai team di pensare e collaborare visivamente per risolvere problemi. Gli utenti, con facilità d’uso e velocità, possono creare diagrammi, canvas e tutti gli strumenti che le metodologie agili mettono a disposizione, oltre a strumenti per facilitare riunioni e meeting.

3. Figma

Figma è un’applicazione di progettazione di interfacce direttamente da browser, oppure anche in versione desktop. Essendo cloud-based, non è necessario salvare e non si rischia di perdere i dati e il lavoro fatto. Una delle sue caratteristiche principali è la collaborazione in tempo reale, che permette a team da remoto di lavorare insieme sullo stesso file nello stesso momento – una funzionalità davvero utile.

4. Sketch

Uno dei software  più utilizzati nel design di interfacce. Grazie alla sua facilità d’uso è stato adottato da subito da designer di tutto il mondo per le sue funzionalità avanzate nella produzione di UI e prototipi. Proprio perché adottato da molti, il web è pieno di risorse su Sketch e la community che lo utilizza produce e condivide moltissimo materiale.

5. Adobe XD

Strumento di design dedicato alle interfacce di casa Adobe. Molto simile a Figma e Sketch, da cui ha preso spunto. 

6. Balsamiq

Quando vogliamo una soluzione per il paper prototyping, ma allo stesso tempo pensiamo di digitalizzare gli artefatti, Balsamiq fa al caso nostro. Questo tool viene utilizzato nella realizzazione di prototipi a bassa fedeltà. Uno dei primi strumenti arrivati sul mercato, che ha sviluppato oggi nuove funzioni cloud per la collaborazione, la sicurezza e la condivisione dei dati.

7. InVision

InVision è uno dei tool di prototipazione più utilizzati, cloud-based, con funzionalità di collaborazione avanzata. Caricandoci sopra gli artefatti prodotti con Sketch, Figma o altri tool di design, potremo linkare tra loro le pagine e rendere il flusso navigabile.

8. Axure

Axure

Axure RP è un software completo che permette di fare wireframing e prototipazione grazie ai suoi modelli, utilizzando schemi e inserendo le specifiche, tutto in un posto solo. Axure introduce un nuovo approccio allo sviluppo del software e alla risoluzione delle inefficienze create dalla differenza di competenze all’interno del team. Con Axure, i professionisti di business e UX possono valutare sfide, progettare soluzioni e costruire prototipi interattivi privi di codice utilizzando un’unica piattaforma.

9. Origami

Uno step dopo il design, ci sono le interazioni. Quando si passa dal test di flusso a una user experience più completa, Origami è uno di quei tool che permette di dare al design statico una marcia in più. Oltre a creare un prototipo navigabile, si potranno aggiungere interazioni, quasi come aver sviluppato tutto il prodotto. Questo permetterà di testare al meglio il design.

10. Webflow

Non sempre dobbiamo sviluppare un’app o creare una piattaforma nuova: nel caso in cui il prototipo da testare fosse un’idea di business, possiamo utilizzare strumenti diversi senza coinvolgere il team di sviluppo. Webflow è un nuovo software che con le sue funzionalità avanzate permette al team di design, quasi in completa autonomia, di creare un sito web senza l’utilizzo di template o pacchetti visti e rivisti. Webflow consente anche il collegamento con strumenti di terze parti per rendere ancora più dinamico il prototipo.

Matteo Marchesano

Corporate Transformation Prototyping Lead e Strategist

Talent Garden

Matteo Marchesano

Membro del team Corporate Transformation di Talent Garden con il ruolo di Prototyping Lead e Strategist, Matteo ha oltre 10 anni di esperienza in Digital Design e Product Management nel mondo delle startup. Attraverso metodologie che combinano pensiero strategico, design creativo e approccio agile, guida le Corporate nello sviluppo di soluzioni digitali innovative che rispondono alle esigenze delle aziende, ai trend di mercato e al comportamento dei consumatori.

 

Tilmeld dig vores nyhedsbrev

Hold dig opdateret på de seneste nyheder