11 consigli per creare una COMMUNITY

Questa settimana vogliamo fare, a modo nostro, gli in bocca al lupo agli amici di Bergamo e di Torino, che, apprestandosi ad organizzare nuove sedi affiliate a Tag, hanno davanti a loro un’estate incandescente, piena di impegni ma anche di grandissime soddisfazioni. Questo è uno spunto che vorremmo li stimolasse ad entrare in quel fantastico mood che caratterizza le nostre giornate da qualche tempo a questa parte. 🙂

Anche se non esiste un libro che possa aiutare ed indirizzare gli interessati ad organizzare, aprire e gestire uno spazio di coworking, ci sono tanti buoni motivi per dare inizio ad una nuova comunità.
Tanto per iniziare il principale (buon) motivo sta nell’essenza stessa del movimento e ciò che lo differenzia da altre tendenze di lavoro.
Eccovi alcune ragioni che confermano la teoria che la costruzione di una comunità prima dell’apertura di uno spazio di coworking sia una buona e lungimirante idea, e 11 strategie di creazione di comunità – talvolta contraddittorie, ma comunque ad effetto assicurato -, che sono state testate direttamente dai migliori coworking space operator.

Gli spazi di coworking hanno tutti un aspetto diverso, trasmettono sensazioni diverse, e sono sede di una vasta gamma di professionisti che provengono da una moltitudine di differenti community. Ad ogni modo, nonostante questo fatto, ci sono almeno due fattori che permettono di ridurre gli spazi di coworking e le loro comunità ad un minimo comune denominatore.

 

Sign up to our newsletter

Stay up to date with all the latest news