Il Data Scientist nel settore assicurativo: chi è, cosa fa e quanto guadagna

Disculpa, pero esta entrada está disponible sólo en Italiano.

Oggi si sente sempre più spesso parlare di dati: Small Data, Big Data, dati personali, dati aziendali e molto altro ancora. I dati rappresentano un vero e proprio asset per le aziende che, consapevoli del loro valore, sono alla ricerca di figure professionali capaci di raccoglierli, analizzarli e gestirli. Parliamo dei Data Scientist, esperti di dati che possono lavorare in diversi settori, compreso quello assicurativo che ultimamente si sta avvalendo sempre più di questi professionisti. 

Ma quali sono le caratteristiche di una delle figure più richieste dal mercato delle assicurazioni? Scopriamolo insieme. 

Chi è il Data Scientist

Il Data Scientist è un professionista in grado di governare il complesso mondo dei dati. Capace di coniugare le capacità tecniche e l’intuizione necessaria per elaborare grandi set di dati per rispondere a domande complesse, intercettare le tendenze ed elaborare report che sono alla base delle decisioni data driven dei top manager, il Data Scientist è esperto di business intelligence e sa analizzare i dati disaggregati attraverso analisi quantitative e qualitative per riuscire a trasformarli in elementi di valore.

Quali sono i requisiti necessari per diventare un Data Scientist nell’ambito assicurativo?

Il Data Scientist operante nell’ambito assicurativo possiede un background accademico in discipline come Fisica, Ingegneria, Statistica, Matematica o equivalenti. I profili più Senior, inoltre, solitamente hanno alle spalle almeno tre anni di esperienza in ambito accademico o, in alternativa, otto-dieci anni trascorsi tra l’ambito accademico e le attività di progetto in contesti aziendali.

Le competenze attinenti il mondo dell’analisi (inferenza statistica, modellistica matematica) sono fondamentali per un Data Scientist, così come quelle legate alle metodologie di Machine Learning e ai settori di Data Mining e Data Visualization.

Un buon Data Scientist deve, inoltre, saper utilizzare i database relazionali e NoSQL e i software analitici più famosi come SAS, R, Python e Matlab. Infine, è essenziale un’ottima conoscenza dei principali applicativi Microsoft Office e della lingua inglese.

Cosa fa un Data Scientist nell’ambito assicurativo?

Un Data Scientist che lavora all’interno del ramo assicurativo si occupa di svariate attività tra le quali, ad esempio:

1. Utilizzo delle piattaforme di Big Data

Al fine di elaborare e raccogliere dati interni ed esterni.

2. Analisi di set di dati complessi e di grandi dimensioni

Applicando metodi analitici, statistici e matematici avanzati.

3. Monitoraggio dei dati

Tramite analisi multivariate e qualitative.

4. Applicazione tecniche di apprendimento automatico e costruzione di modelli predittivi
5. Attività di ricerca e sviluppo

In svariati ambiti: nuovi algoritmi, clustering e analisi comportamentale, tendenze di mercato e targeting.

6. Supporto nell’elaborazione di strategie commerciali e innovative

A partire dall’analisi dei dati raccolti.

Come si diventa un Data Scientist?

In genere per diventare un Data Scientist è necessario frequentare un Master dedicato a questa figura professionale. Data la relativa novità di questo ruolo, i corsi di formazione ad esso dedicati sono ancora abbastanza rari. Uno di questi è Data Science & AI Master sponsored by Groupama Assicurazioni erogato da Talent Garden Innovation School: un percorso formativo non convenzionale di 11 settimane in partenza in live streaming il 19 ottobre 2020 interamente sponsorizzato da Groupama Assicurazioni grazie a 21 borse di studio a copertura totale dei costi del Master. 

Quanto guadagna un Data Scientist in Italia?

Il Data Scientist è una delle figure professionali più richieste e remunerate tra le professioni digitali. Secondo i dati del motore di ricerca Jobbydoo, lo stipendio medio di un Data Scientist in Italia è infatti di 39.000 € lordi all’anno (circa 2.000 € netti al mese), superiore di 450 € (+29%) rispetto alla media del nostro Paese. La retribuzione di questo professionista varia ovviamente a seconda del livello di anzianità ed esperienza, e può essere compresa tra uno stipendio minimo di 27.000 € lordi all’anno e uno stipendio massimo di 110.000 € lordi all’anno. 

Suscríbete a nuestra newsletter

Mantente al día de nuestras novedades