Nel 2017 più di un milione di persone lavorerà in un coworking

Condividi
3 min lettura
Coworking

Come per il 2016 anche per quest’anno si prevede una crescita del numero di uffici condivisi e, di riflesso, anche dei lavoratori che preferiscono spazi multifunzionali e opportunità di networking al tradizionale ufficio. Secondo l’annuale Global Coworking Survey, più di un milione di persone lavorerà in uno spazio di coworking.

Nonostante le presenze siano in aumento rispetto al 2016, nei coworking sarà comunque difficile notare ad occhio nudo la differenza. Questo perché i coworker tendono a lavorare ad orari differenti: il 40% dei professionisti utilizza infatti la propria scrivania ogni giorno, mentre il 30% frequenta gli spazi tre volte alla settimana.

La Global Coworking Survey prevede inoltre che nel 2017 ci saranno in totale 14.000 spazi di coworking nel mondo e che addirittura due player su tre aumenteranno il volume dei propri spazi. Quasi il 40% sta inoltre pianificando l’apertura di nuovi campus, dato in salita rispetto al 2016. Sorprende inoltre che anche gli attori meno di successo pianifichino l’espansione entro fine anno (il 50%). Se da un lato diminuisce il numero dei piccoli coworking, dall’altro cresce il numero degli spazi che ospitano ogni giorno oltre 150 lavoratori: questi rappresentano oggi il 20% dei player sul mercato contro il 13% del 2016.

“Attrarre nuovi membri” è il mantra dell’anno per il 48% degli spazi di coworking (dato in crescita di 9 punti percentuale rispetto al 2016), in conseguenza verosimilmente del fatto che si prevedono molte nuove aperture. I grandi e piccoli player devono però prestare attenzione alla “fedeltà” dei propri coworker: sempre meno lavorano infatti nel primo spazio dove hanno originariamente affittato una scrivania (dal 66% del 2016 al 62% del 2017).

Nonostante ciò, il mood dei coworker rimane positivo. In maniera simile all’anno scorso infatti, il 61% prevede di aumentare i propri profitti e il proprio lavoro, il 73% ritiene che guadagnerà nuovi contatti e il 18% è convinto del fatto che avrà maggiore tempo libero a disposizione.

Leggi anche:

Creativo e flessibile, ecco l’ufficio dove lavoriamo al meglio

As for 2016, also this year the number of coworking spaces is expected to grow and with it the amount of professionals who decide to share multipurpose offices and networking opportunities. According to the annual Global Coworking Survey, in 2017 more than one million people will work in a coworking space.

Despite the increasing number of coworkers, it is however hard to tell the difference when entering a coworking space. This is mainly due to the fact that these professionals tend to operate at different times of the day: 40% of them work in a coworking space every day, while 30% join the shared office three times a week.

The Global Coworking Survey forecasts moreover that in 2017 there will be around 14.000 coworking spaces in the world and that two out of three major market players will expand their properties even more. Almost 40% of them is moreover planning to open new campuses, a considerably higher percentage compared to 2016. Surprisingly even smaller coworking spaces have expansion plans for the new year (50% of them). If smaller coworking spaces are decreasing, the number of shared offices welcoming every day more than 150 members is steadily growing: these represent almost 20% of the players on the market (they were just the 13% in 2016).

“Attracting new members” is this year’s mantra for about 48% of coworking spaces (the same figure was only 39% in 2016), and this is reasonably connected to the many future new openings. Big and small players have however to pay attention to the “loyalty” of their coworkers: a decreasing number is indeed still working in its first coworking space (from 66% in 2016 to 62% in 2017).

Despite this, the coworkers’ mood is still very much positive. Similarly to last year indeed, 61% of them forecast to increase both profits and work, 73% think they will have new networking possibilities, while 18% believe they will have more free time.

Read also:

Creative and flexible, the workplace where we give our best