User Experience: i 10 migliori tool per UX Designer

Condividi
8 min lettura
Design

Il concetto di User Experience è centrato sul cliente e i suoi bisogni e negli ultimi anni si è evoluto. I notevoli passi in avanti nell’analisi dei comportamenti degli utenti di un sito web ha permesso di focalizzare l’attenzione dei progettisti della UX sui contenuti e sulla loro facile reperibilità e attinenza alle domande degli utenti, nell’ambito di una navigazione intuitiva.

 

 

Il successo di ogni azienda dipende dall’allineamento degli obiettivi di business con le esigenze dei clienti. Non a caso alla base di un processo di Digital Transformation di un’azienda c’è l’utente con le sue necessità. Lo UX Designer di successo è colui che sa quindi analizzare i dati, le query sui motori di ricerca, le keyword per le quali il proprio sito, o quello dei competitor, è più spesso visualizzato e lo user intent dalla ricerche sul web alla ricerca di informazioni su prodotti e servizi che soddisfino le sue esigenze.

Dallo studio dell’intento dell’utente, è infatti possibile produrre contenuti che rispondono specificamente alle sue domande ed esigenze. La SEO insegna che i motori di ricerca apprezzano i contenuti veramente rilevanti per l’utente. Lo sviluppo di un sito e la produzione di contenuti orientati alla soddisfazione del cliente produrranno effetti positivi in termini di posizionamento e di conversioni.

 

Gli strumenti online per migliorare la UX di un sito e rispondere alle esigenze dei clienti

Ecco quindi una raccolta di tool utili per gli UX Designer, suddivisi in categorie:

  • Strumenti per l’analisi della UX
  • Strumenti per i dati sulle sessioni e heatmapping
  • Strumenti per effettuare A/B test

 

I tool per l’analisi dei dati relativi alla UX Analysis

Progettare un sito, la sua alberatura, le interfacce e i contenuti orientati alla User Experience impone di adottare scelte incentrate su ciò che risponde alle esigenze dell’utente, in termini di navigabilità e risposta ai suoi bisogni. Per conoscere ciò che piace e soddisfa gli utenti è necessario rilevare e analizzare dati, utilizzando metriche ben definite. Dall’analisi dei dati è possibile valutare in anticipo se una riprogettazione del sito o di alcune sue sezioni curando al meglio i contenuti sarà efficace, ancora prima di attuarla.

 

1 Woopra

 

 

Woopra è uno strumento che permette di analizzare la Customer Journey dell’utente. Si tratta di una piattaforma di web analitycs che consente di tenere traccia dei visitatori che giungono al sito avvalendosi di una dashboard completa e intuitiva. Per alcuni Woopra può sostituire addirittura Google Analytics, uno dei tool più utilizzati per questo genere di raccolte dati, proprio per la chiarezza della dashboard. Woopra consente di creare report basati su varie tipologie di informazioni, come le caratteristiche degli utenti, le pagine di ingresso e uscita, le conversioni, i referral e tanto altro.

La piattaforma mostra i dati in tempo reale e consente di analizzare tutte le metriche del sito. Il tool effettua la segmentazione degli utenti e li classifica in gruppi target, sulla base dei loro comportamenti in modo iterativo..

Sito Web: www.woopra.com

 

2 Google Analytics

Questa piattaforma è la più diffusa tra tutti gli strumenti di web analytics. Lo strumento gratuito di Google permette di analizzare le tendenze e rilevare i flussi degli utenti. Il software traccia e registra il traffico web, fornendo statistiche complete sulla provenienza e i comportamenti degli utenti, i contenuti più apprezzati, e parametri come tempi di permanenza, pagine di uscita e molto altro. Con i dati di GA è possibile effettuare la profilazione del target audience in base a dati e metriche personalizzate, così come di tracciare l’efficacia di campagne di advertising, social e di Digital Pr.

Sito web: www.google.com

 

3 Appsee

 

Per i creatori di app, Appsee è lo strumento di elezione per la raccolta dei dati. Il tool consente di effettuare analisi quantitative di una app (download giornalieri, AU e CR) completandole con dati qualitativi, relativi ai profili di ciascun utente, del quale vengono registrati i comportamenti. Se l’analisi quantitativa risponde alla domanda “quanti”, Appsee si interroga anche sul “come” e sul “perché”, monitorando ogni singola esperienza utente.

La piattaforma di Appsee permette di visualizzare i dati elaborando grafici e strumenti quali la registrazioni video di sessioni utente reali e le heatmap tattili. Questi dati permettono agli sviluppatori e ai progettisti UX e UI di migliorare l’usabilità, il coinvolgimento degli utenti, la fidelizzazione e gli acquisti in-app.

Sito web: www.appsee.com

Strumenti per i dati sulle sessioni e heat mapping

I dati sulle sessioni, cioè una serie di interazioni con il sito web in un determinato arco di tempo, tra visualizzazioni di pagine, conversioni, interazioni sui social network, condivisioni ecc., sono molto utili per migliorare l’UX. Gli strumenti di registrazione delle sessioni analizzano il comportamento dell’utente sul sito, mentre i tool per la creazione di heatmap riconoscono le azioni condotte con il mouse.

 

4 Smartlook

 

Smartlook è un tool per l’analisi qualitativa di siti web e app mobili, che rileva  esattamente il comportamento dell’utente all’interno del sito realizzando un video, che mostra i contenuti sul quale il visitatore si è soffermato, le pagine che ha aperto e gli errori che ha riscontrato durante la navigazione. I dati rilevati permettono di avere chiarezza sui comportamenti e riprogettare la presenza sul web. Le rilevazioni effettuate da Smartlook permettono infatti di progettare nuovi funnel di acquisto per aumentare le conversioni. La piattaforma offre anche la funzione di heat mapping, che mostra dati sui comportamenti di massa sull’interazione degli utenti con il sito. Smartlook crea il profilo del singolo utente sulla base dei dati raccolti. A differenza di altri tool, la piattaforma registra i dati di ogni singolo utente, e non di utenti a campione, per questo le funzionalità gratuite esauriscono presto lo storage dei dati.

Sito Web: www.smartlook.com

 

5 Clicktale

 

Clicktale è un altro ottimo strumento per analizzare il comportamento dei visitatori del sito. La piattaforma mette in evidenza la percentuale di abbandono per ogni campo di inserimento dati in un form online, la distanza percorsa da un visitatore che visita una singola pagina e ne monitora eventuali errori. Uno dei vantaggi di Clicktale è che i dati raccolti possono essere integrati in strumenti quali MailChimp. La funzione più interessante è la raccolta dei dati sui vari campi di un modulo online. Gli errori, come quelli lato client dell’utente, che spesso non vengono tracciati, sono rilevabili da Clicktale, così come le esitazioni. Il tool mette in evidenza ciò che rallenta il processo di acquisto, mostrando dati sul tempo necessario per il check out, elemento spesso migliorabile per velocizzare le conversioni.

Sito web: www.clicktale.com

 

Inspectlet

 

La piattaforma costituisce un ottimo strumento per registrare i comportamenti degli utenti che visitano un sito web. Inspectlet registra infatti ogni singolo movimento del mouse quanto a scrolling, clic e pressione dei tasti. Questi dati mostrano in modo evidente cosa attrae gli utenti sul sito, ciò che va migliorato, i passaggi che vanno eliminati per rendere fluida la navigazione, le parti del sito e i contenuti più consultati.

Inspectlet crea una mappa di calore che evidenzia le aree delle pagine web che raccolgono maggiormente l’attenzione degli utenti. Si tratta di uno strumento molto valido, che permette ad esempio di ottimizzare la collocazione dei banner pubblicitari e di altri elementi, come il modulo di registrazione per ricevere la newsletter.

Sito Web: www.inspectlet.com

 

Strumenti per effettuare A/B test

L’A/B test è una prova di risultato tra due versioni, A e B appunto, di uno stesso elemento, sia esso un titolo, un’immagine, un post sui social network o una landing page. Le due versioni verranno testate online per verificare quale di esse ottiene maggiori conversioni. L’A/B test è molto utile nel digital marketing, nel quale un’immagine, un titolo che attira interesse o un claim possono fare la differenza in termini di risultati.

 

UsabilityHub

 

UsabilityHub è stato sviluppato per condurre test di usabilità. Con questo strumento è possibile selezionare i propri tester o selezionarli su quelli che si sono registrati sul sito UsabilityHub. E’ possibile testare elementi web, come landing page o post, ma anche questionari e brevi sondaggi che i tester possono compilare. Un’altra caratteristica interessante è la creazione di nuvole di parole create dall’analisi dei sondaggi, che permettono di effettuare un’analisi rapida dei risultati e l’identificazione delle principali tendenze.

 

Il test effettuato dalla piattaforma sottopone agli utenti selezionati la visualizzazione di 5 secondi dello screenshot di una pagina web e permette di registrare la prima impressione, quella che ingaggia l’utente o lo allontana dal contenuto. Il test, basato su un oggetto visuale è utile per verificare il gradimento di loghi ed elementi grafici.

 

Sito web: usabilityhub.com

 

Adobe Target

Adobe Target fa parte dei servizi della suite Adobe Experience Cloud. Il tool propone un’interfaccia utente intuitiva che consente di creare esperienze web personalizzate. Adobe Target offre anche un semplice strumento per realizzare A/B test. È possibile personalizzare l’interfaccia con un numero elevato di opzioni di filtro. Lo strumento è adeguato anche per l’analisi su dispositivi mobili.

 

Con la funzionalità di testing A/B e il compositore visivo di esperienze, è possibile progettare ed eseguire rilevazioni su tutti canali, dal web al mobile, allo IoT fino alle app. In questo modo è possibile rilevare velocemente l’esperienza migliore, non limitata a un solo canale, e mettere online contenuti di valore per gli utenti.

Sito Web: www.adobe.com

 

Unbounce

 

Unbounce si rivela un ottimo strumento per creare e testare pagine di destinazione coinvolgenti. Il tool dispone di un’interfaccia semplice da usare che semplifica l’editing dei contenuti. Unbounce rende possibile trascinare e rilasciare immagini, video, elementi di testo e altri elementi direttamente sulle pagine web. Una volta che la pagina è stata creata, è possibile creare più varianti e condurre test per valutare quale è la migliore in termini di engagement.

Sito Web: www.unbounce.com

 

Sketch

 

Lo UX è anche UI Design, ovvero progettazione di interfacce. Sketch è un tool di progettazione digitale molto utilizzato dagli UX Designer. Lo strumento include un sistema di prototipazione integrato che consente di trasformare un progetto in un prototipo interattivo. Sketch è un programma che si avvale di grafica vettoriale e offre agli utenti la possibilità di lavorare con livelli e forme per una facile progettazione e modifica veloce. Il tool dispone di molti template e molti altri sono stati resi disponibili gratuitamente da terze parti, come Google e Facebook. Sketch consente di progettare siti web e app e condividere con i clienti i mockup.  

Sito Web: www.sketchapp.com

 

Conclusioni

I tool disponibili per progettare, analizzare e testare la User Experience sono alcune centinaia. Quelli proposti sono tra i più utilizzati, ognuno con proprie specificità rispetto ai concorrenti. L’esperienza consentirà agli UX Designer di continuare a scoprire nuovi strumenti e funzionalità, sempre nell’ottica di migliorare la UX progettandola a partire dall’analisi dei comportamenti dell’utente, dei suoi bisogni e della congruità dei contenuti web rispetto alle sue specifiche domande.