Innovazione e tenacia: ecco cosa significa fare la sviluppatrice in Calabria

Condividi
2 min lettura
Freelance

Fare la sviluppatrice, in Calabria. Uno dei lavori più richiesti in una delle regioni da cui spesso i giovani si allontanano per mancanza di opportunità. Ma non è questa la storia di Maria Carmela Macchione, giovane developer che è recentemente entrata a far parte di Eco-Mind, azienda del settore IT che cresce a Talent Garden Cosenza, e che ci dice: “in Calabria sono nate molte startup e se si vuole, il lavoro si trova.

La nostra intervista:

1.  Quando hai deciso di diventare una sviluppatrice? Che cosa ti appassiona di questa professione?

Avendo conseguito la laurea in ingegneria informatica, la scelta di diventare “sviluppattrice” e cercare lavoro in azienda è stata quasi automatica. Fin da piccola amavo tutto ciò che mi permetteva di creare qualcosa e per me sviluppare vuol dire “creare”, come fa un artista (pittore, scultore, etc..).

2. Sei una giovane donna che fa uno dei lavori più richiesti sul mercato in Calabria, una regione che spesso si abbandona per mancanza di opportunità. Quali sono le difficoltà che hai incontrato sul tuo percorso? Hai mai pensato di cercare lavoro altrove?

Ho sempre pensato positivo, ho sempre pensato di riuscire a trovare lavoro anche in Calabria e devo dire che la positività mi ha premiata. La difficoltà principale che ho incontrato è stata la ricerca di un lavoro che realmente mi piacesse e che mi consentisse anche di crescere professionalmente. Ho pensato anche di lasciare la Calabria ma come ultima possibilità qualora non avessi trovato lavoro.

3. Cosa ti piace del lavoro in uno spazio di coworking come Talent Garden Cosenza?

Lo spazio di coworking mi piace molto perché mi consente di crescere non solo a livello professionale, in quanto sono sempre a contatto con diversi professionisti che hanno svariate competenze, ma anche a livello umano perché si creano rapporti amichevoli e un ambiente familiare.

4. Che consiglio daresti ad una ragazza calabrese che deve iniziare la propria carriera?

Sicuramente, se è interessata a lavorare al sud, di non arrendersi perché soprattutto negli ultimi anni qui in Calabria sono nate molte startup e se si vuole, il lavoro si trova.

5. Che lavoro faresti se non fossi una sviluppatrice?

Adesso non riesco a pensare ad un altro lavoro perché mi piace quello che faccio, ma sicuramente un lavoro che consentirebbe di esprimere la mia creatività.

 

Leggi anche: Nautica e digitale: il viaggio di Marcello Labruna