L’editoria nell’era digitale: la trasformazione passa attraverso la formazione

Condividi
1 min lettura
Innovazione
Google-FIEG

Talent Garden e il progetto Google-FIEG

La rivoluzione digitale tocca tutti i settori e l’editoria è certamente tra quelli che stanno attraversando una delle trasformazioni più radicali. Cambiano gli strumenti con cui gli utenti accedono ai contenuti, cambiano i canali di diffusione degli stessi, cambiano i player del mercato.

Secondo un rapporto di FIEG (Federazione Italiana Editori Giornali), il mercato dei quotidiani in Italia è in costante perdita. Nel 2007 il fatturato sfiorava 3,9 miliardi, nel 2015 si è attestato appena sotto i due. Lo stesso studio rivela però che, mentre a livello globale il fatturato dei quotidiani perde il 2% l’anno, tra il 2012 e il 2018 il fatturato dei quotidiani digitali è aumentato mediamente del 16,5% l’anno. A fronte di un incremento della diffusione digitale di 30 mila copie, quella cartacea si riduce di 300 mila.

In questo contesto di forte cambiamento e per far sì che l’editoria metta a fuoco tutto il potenziale che deriva dall’adozione delle tecnologie digitali, per il secondo anno consecutivo abbiamo lanciato un progetto di formazione con FIEG e Google, con l’obiettivo di fornire un nuovo approccio per traghettare la stampa italiana nell’era digitale.

Anche questa edizione ha visto la creazione di una Digital Transformation Academy in più tappe (Brescia, Roma, Bari, Cosenza, Cagliari), dove si sono alternate lezioni frontali, brainstorming e workshop per sviluppare abilità di pensiero laterale e di utilizzo della tecnologia all’interno dei diversi settori dell’editoria.

Il percorso ha coinvolto oltre 140 persone e 10 editori.

Formazione, networking e un approccio innovativo per un’iniziativa che sottolinea quanto sia strategico e soprattutto necessario che il settore editoriale esplori le potenzialità della Digital Transformation, mettendo in campo soluzioni nuove, all’avanguardia e competitive.