Le aziende nel 2018: i 6 trend tecnologici da tenere d’occhio

Condividi
6 min lettura
Innovazione

La tecnologia è di grande aiuto allo sviluppo del business aziendale. Un approccio disruptive alla innovazione tecnologica è necessario se si vuole velocizzare i processi aziendali integrando le informazioni e le piattaforme che li gestiscono. L’innovazione tecnologica coinvolge anche il marketing ed è parte della digital transformation di un’azienda.

Perché è necessario un approccio disruptive alle nuove tecnologie

Tutti noi utilizziamo ogni giorno tecnologie che sono state introdotte come elementi di disruptive innovation rispetto a quelle precedenti: pensiamo a WhatsApp, che ha rivoluzionato anche il modo di lavorare tra colleghi o ai tool di videoconferenza, come Skype e Google Hangouts, con i quali sono state sostituite molte riunioni in presenza. Le implicazioni per le aziende e i loro manager sono di rilievo, perché una video call è in genere più breve ed efficiente di una riunione tradizionale e permette di ottimizzare il tempo dei partecipanti, riducendo gli spostamenti e i costi conseguenti.

 

Le aziende stentano ad adottare tecnologie troppo innovative

Nelle aziende un approccio disruptive, tipico delle start up, non è sempre vissuto come una opportunità. Lo confermano alcuni rapporti che sono univoci nel rilevare come i manager che hanno raggiunto risultati di business consolidati mostrino in genere un approccio meramente incrementale all’innovazione tecnologica. Essi ritengono che, una volta che il prodotto è ben definito e ha raggiunto una soddisfacente penetrazione del mercato, l’adozione di nuove tecnologie sia ormai finalizzato all’innovazione di processo, che efficienta il lavoro e riduce i costi.

 

Perché le aziende sono spesso poco attratte dall’innovazione tecnologica? Si può intuire che i cambiamenti più disruptive vengano considerati rischiosi, perché presentano elementi di incertezza rispetto alla situazione esistente. Altro motivo può essere legato a strategie che fanno riferimento al mercato attuale e alle modalità di acquisto, che appaiono generare risultati soddisfacenti. In molti casi è evidente la difficoltà di interpretare i bisogni reali dei clienti per elaborare strategie di business attraverso un processo di digital transformation. Se il focus dell’azienda è ancora centrato sul prodotto e sul fatturato e non sul cliente e sulle sue necessità – in sostanza focalizzato sulla offerta attuale anziché sulla domanda – non si tenta di costruire il prodotto disegnandolo sulle esigenze del cliente. In sostanza non si innova, se non nella produzione e nella logistica, per ridurre i costi operativi.

 

I trend tecnologici più disruptive dei prossimi anni

È quindi importante analizzare le nuove tendenze offerte dalla tecnologia, per verificare la possibilità di integrarle nella strategia di business o in quella di marketing. Ecco le più rilevanti:

1) Analisi dei dati e AI

L’Intelligenza Artificiale, o AI, sarà sempre più presente nei software ERP e CRM. Il trend mostra che i software gestionali evoluti e quelli di gestione dei clienti e marketing automation si stanno orientando verso l’implementazione di questi elementi. Intelligenza artificiale e Machine Learning, utilizzati soprattutto per automatizzare i processi di data analysis ed elaborazione dei dati, guideranno le piattaforme gestionali e le applicazioni per dispositivi mobili. I dati continuano ad acquisire un forte valore, perché una strategia di  business e di marketing si rivela molto più efficace se guidata da elementi certi e misurabili. La loro analisi richiede forte competenza specifica, quindi la automazione di queste operazioni è sempre più funzionale al successo dell’azienda. La tendenza mostra in modo evidente lo sviluppo di strumenti di Predictive Analysis, nei quali software guidati dall’Intelligenza Artificiale elaborano una enorme quantità di dati per fornire rapporti predittivi sulle nuove tendenze e sui consumi futuri, interpretando la domanda degli utenti e i loro bisogni riguardo a prodotti e servizi.

2) Internet of Things

Attualmente l’IoT è utilizzato per connettere oggetti a piattaforme di raccolta o trasmissione di dati, di carattere ancora elementare. La tendenza all’introduzione di questa tecnologia è sempre più interessante anche per le aziende, perché semplifica l’interazione uomo/macchina. Ne beneficeranno, ad esempio, il settore della logistica perché i sensori consentono di fornire agli strumenti, come carrelli, scaffali, magazzini e merci, una vita autonoma, almeno in parte. I macchinari, i locali, la filiera che prevede l’’immagazzinamento, l’imballaggio, la spedizione e la consegna, sarà gestita da macchine intelligenti, in grado di collaborare tra loro per ottimizzare i processi. Le fabbriche del futuro, legate al concetto di Industria 4.0, potranno così avvalersi di robotica automatizzata. Anche nella home automation l’IoT sta entrando prepotentemente, per ora intervenendo su termostati ambientali, gestione dell’illuminazione e dell’antifurto ma le prospettive sono davvero senza limiti e riguarderanno la dispensa, il giardino e tutte le automazioni, fino a strumenti che apprendono i comportamenti degli abitanti e prevengono le loro necessità. Anche gli assistenti virtuali, proposti già dai sistemi operativi per desktop e mobile, saranno sempre più presenti nella vita delle persone. Introdotti nelle abitazioni grazie a Siri, Cortana, Google Assistant e Alexa, queste interfacce per la conversazione – una delle quali realizzata non a caso da Amazon – consentiranno di ordinare la spesa e fare acquisti online. In casa si hanno spesso le mani occupate e già oggi è possibile ascoltare notizie, richiedere informazioni sul meteo, su orari e molto altro attraverso semplici comandi vocali.

3) Mixed Reality

Le esperienze immersive proposte attualmente dalle tecnologie della realtà aumentata e della realtà virtuale, con le loro contaminazioni, cambieranno le modalità di fruizione di contenuti digitali. L’esperienza utente, tema già all’attenzione di chi si occupa della creazione di contenuti digitali e siti web, sarà sempre più coinvolgente. Il marketing dovrà prenderne atto e produrre contenuti adeguati e offrire esperienze immersive fruibili da desktop e dispositivi mobili, ma proposte anche nel corso di eventi e fiere di settore.  

La realtà aumentata è solo un gioco? | DIGITAL IS NOT AN OPTION

? Augmented Reality = Entertainment ?➡️ Ma è davvero così? ⬅️ La realtà aumentata è una tecnologia troppo spesso presa sottogamba ma che sta rivoluzionando la vita di tutti i giorni. "The next big thing" chiamata così dagli esperti, sta pian piano contaminando diversi settori: dall’istruzione alla medicina, dall’informazione allo sport, dal marketing al turismo, dall’automotive alla sicurezza.Ecco cosa accade quando i nostri 5 sensi vengono potenziati.

Pubblicato da Talent Garden Innovation School su Giovedì 1 febbraio 2018

Il trend dei prossimi anni sembra orientato a sviluppare esperienze di realtà mista, proponendo dunque una continua interazione tra contenuti digitali e reali, attraverso display di vario tipo, installati in speciali visori ma anche disponibili per la fruizione da smartphone e tablet. La recente introduzione, da parte dei produttori di dispositivi mobili, di piattaforme per lo sviluppo di applicazioni e contenuti AR, da parte di Apple e Google, leader nello sviluppo di sistemi operativi mobili, vedrà una crescita impressionante di applicazioni e contenuti per la realtà virtuale.

4) Parola d’ordine: personalizzazione

La personalizzazione di beni e servizi, strettamente legata all’analisi dei dati e del profilo di acquisto degli utenti, è sicuramente un trend emergente. Basti pensare alla blackbox proposta dalle compagnie assicurative per raccogliere dati sul profilo di rischio del cliente e modulare la proposta economica per il rinnovo delle polizze. Anche le vendite di beni di consumo sono già fortemente condizionate dai dati: la possibilità di compiere azioni di lead generation e raccogliere contatti di valore perché già interessati al business delle aziende e di ingaggiarli nuovamente con azioni di remarketing, riguardano appunto la possibilità di proporre campagne di marketing e offerte commerciali altamente personalizzate, dunque più efficaci. Interfacciando i Big Data – quelli raccolti dai social network o dai grandi portali di ecommerce, relativi a età, interessi, viaggi, consumi e desideri degli utenti – a piattaforme di lead marketing e a CRM aziendali evoluti è possibile veicolare messaggi ad altissima personalizzazione, disegnati sul potenziale cliente, con tassi di conversione rilevanti. Niente a che vedere con l’invio di comunicazioni a un pubblico generalizzato o poco targettizzato.

5) La Blockchain e sviluppo aziendale

La tecnologia Blockchain non è utilizzata solo nel settore delle criptovalute e bitcoin, ma può rivoluzionare la infrastruttura tecnologica di settori importanti. Si tratta in sostanza di una rete che condivide un database decentrato, distribuito e sicuro perchè criptato con regole di sicurezza condivise. Non più quindi una piattaforma centralizzata, come quella di una banca tradizionale, bensì una sorta di registro pubblico per la condivisione di dati e transazioni correlate. Ogni nodo della rete verifica, approva e registra il dato, per la cui modifica è necessario il consenso degli altri nodi.

Perché la Blockchain è la tecnologia più rivoluzionaria? | DIG…

Tutti ne parlano ma pochi la conoscono davvero. Breve guida alla tecnologia informatica che sta rivoluzionando la nostra vita. Guarda l'ultimo video di Alessandro Rimassa.

Pubblicato da Talent Garden Innovation School su Venerdì 1 dicembre 2017

Il vantaggio dell’adozione di questa tecnologia da parte di una rete di aziende velocizzerà i sistemi di pagamento, non più centralizzati e renderà sicura la condivisione di informazioni, non intercettabili in quanto criptate prima dell’utilizzo da parte dell’utente finale. Già alcune università e scuole statunitensi si avvalgono della tecnologia blockchain per la validazione degli esami e dei titoli accademici. Un sistema di voto elettorale digitale su rete blockchain è stato già testato nel corso delle più recenti elezioni americane, in quanto garantisce la massima sicurezza e tracciabilità. I gestori dei grandi circuiti di carte di credito sono molto interessati alla tecnologia, già utilizzata sperimentalmente da Visa per i leasing e la vendita di autovetture.

6) Materiali avanzati

La scoperta di nuovi materiali con caratteristiche fisiche inimmaginabili fino a qualche anno fa è una tendenza che non si arresterà: si tratta di materiali che si auto puliscono, che memorizzano la loro forma originaria e soprattutto nanomateriali. Le sostanze ordinarie se ridotte a dimensioni misurabili in nanometri assumono nuove proprietà elettriche, una enorme resistenza per unità di peso o altre caratteristiche disruptive. Questi nuovi materiali, ad esempio il grafene e i nanotubi di carbonio, renderanno molto più efficienti le batterie e le celle solari, contribuendo a risolvere il problema della produzione sostenibile e dell’approvvigionamento e conservazione dell’energia elettrica. I nanomateriali miglioreranno la resistenza dei rivestimenti, faciliteranno la produzione di farmaci più efficaci, di materiali compositi più leggeri e con prestazioni migliori rispetto a quelli dai quali derivano.

 

Queste le tendenze che riguardano le tecnologie per le quali si prevede un forte sviluppo nei prossimi anni. Ovviamente i dati e il loro valore, le tecnologie web based e i nuovi materiali rappresentano gli elementi caratterizzanti dello sviluppo delle nuove tecnologie, in quanto legati alla vita quotidiana degli utenti e alla organizzazione delle imprese. La digital transformation sarà realizzata anche grazie a queste tendenze.

Leggi anche: HR e Digital Transformation: la tecnologia nella gestione delle risorse umane