Addio vecchie tessere fedeltà! Arriva Stocard, il portafoglio digitale

Condividi
3 min lettura
Startup

Quante volte, ritrovandoti al supermercato, ti sei accorto di non avere con te la carta fedeltà? Quante volte ti sembrava che ti scoppiasse il portafoglio, fino a rompersi, per via di tutte le tessere che doveva contenere?

Hai mai provato Stocard? Un servizio semplice quanto rivoluzionario, un app che consente di memorizzare sullo smartphone tutte le tessere dei propri negozi del cuore, senza dover impiegare 10 minuti alla cassa per trovare quella giusta. Nato in Germania sette anni fa, il progetto digitale di Stocard è approdato presto anche Italia, dove la user base ha da subito accolto con entusiasmo questo servizio tanto utile.

L’azienda, che su territorio italiano cresce a Roma, a Talent Garden Poste Italiane, ha recentemente ottenuto un importante finanziamento dalla banca di investimenti australiana Macquarie Capital.

Abbiamo intervistato Valeria Santoro, Country Manager Italia di Stocard, per scoprire di più su questo progetto innovativo.

1. Come nasce Stocard e di cosa si occupa esattamente?

Stocard nasce nel 2011 a Mannheim, in Germania, dall’intuizione di due ragazzi ed è un’applicazione che ha l’obiettivo di sostituire il portafoglio fisico che ognuno di noi porta in tasca o nella borsa. L’idea è infatti quella di consentire all’utente di uscire di casa anche solo con lo smartphone e le chiavi di casa.

Oggi Stocard consente di memorizzare tutte le carte fedeltà nel proprio smartphone e nel 2018 lanceremo il mobile payment, tappa fondamentale dopo la quale inizierà quella della digitalizzazione dei documenti di identità. Con oltre 25 milioni di utilizzatori al mondo, Stocard è già il portafoglio digitale leader di mercato che combina la più sofisticata tecnologia con il massimo della fruibilità. Una semplice funzione di scansione consente agli utenti di scannerizzare ogni carta fedeltà ed aggiungerla all’app in formato digitale. I consumatori possono inoltre ricevere offerte mirate da parte dei retailer.

2. In quali Paesi siete presenti?

Stocard è tradotta in 15 lingue ed utilizzata da est ad ovest in tutti i Paesi del mondo. Il primo Paese in cui Stocard ha aperto è stato la Germania, poi dal 2016 sono stati aperti gli uffici di Roma per l’Italia, Sydney per l’Australia, Amsterdam per il Benelux, Parigi per la Francia, Toronto per il Canada ed abbiamo in programma di aprire altri 2 uffici molto importanti nei prossimi 18 mesi.

3. Recentemente avete messo a segno un round da 20 milioni di dollari guidato dalla banca di investimenti australiana Macquarie Capital. Come verrà investito il finanziamento?

Il finanziamento ottenuto da Macquarie Capital, la più grande banca d’investimenti australiana, verrà utilizzato per lanciare la funzionalità di mobile payment e per lo sviluppo delle funzionalità e dei protocolli necessari per il riconoscimento di documenti di riconoscimento, selezionare 40 nuove risorse per i dipartimenti di Ingegneria, Sales e Marketing ed espanderci in nuovi mercati.

4. Quali sono le peculiarità del mercato italiano?

L’Italia rappresenta uno dei mercati più rilevanti per Stocard: 4 milioni di utenti attivi (non parliamo mai di download), il doppio a partire dal lancio avvenuto un  anno e mezzo fa, 75% dei quali attivi nel mese con un tasso ti utilizzo medio di 7 volte al mese. Un numero impressionante che denota non solo quanto Stocard sia una soluzione mass market riconosciuta dal consumatore, ma anche quanto la nostra crescita sia organica e sana. Gli italiani sono fan di Stocard, di uno strumento cioè che gli consente di essere super innovativi in una pratica tanto tradizionale come quello della raccolta punti. Stocard rappresenta la possibilità di non perdere più neanche un punto e anche quella di poter inserire sia carte fedeltà utilizzate di frequente sia quelle meno di frequente che normalmente si lasciano a casa nel cassetto.

5. Perché avete scelto Talent Garden Poste Italiane come sede? Quali sono gli aspetti che preferite del lavoro all’interno di un coworking?

La scelta di Talent Garden è stata mia,  devo dire, e l’azienda mi ha seguita. Il coworking pensato per le startup rappresenta un ecosistema, un modo d’essere e di approcciare. Persone simili, con background che hanno lo stesso comun denominatore: l’innovazione. Un luogo dove ognuno è portatore sano di innovazione e contagioso, un luogo dove si impara sempre qualcosa. Persone che parlano la stessa lingua, lo stesso codice comportamentale. Una community non tradizionale che si conosce, si sostiene e si alimenta anche grazie alle iniziative e ai corsi messi a disposizione da Talent Garden: temi innovativi ma anche momenti conviviali. Inoltre Talent Garden Poste Italiane ha una posizione strategica per noi: centrale, vicino a metro e treno.

E poi fare Yoga ogni giovedì in terrazza sotto il cielo di Roma è una sorpresa che non ti aspetti in ufficio!

6. Quali sono i valori più importanti che guidano il vostro business?

I valori che guidano Stocard nel business sono:

1. Users first: si attuano solo gli sviluppi tecnologici che implicano un miglioramento di esperienza per l’utente, il mercato si adatterà

2. La nostra pipeline non si stravolge: se tutto è urgente, nulla lo è

3. Il vero marketing è il prodotto: sviluppiamo al meglio in modo che sia in grado di far parlare di sé

4. I meeting interni non vengono fatti fino a prova contraria: prima di ogni meeting/call ci chiediamo sempre vicendevolmente se abbiamo qualcosa di nuovo da dire/chiedere e, se non c’è, il meeting non si fa

Leggi anche: Il materasso diventa digitale: a Talent Garden UBI Banca nasce IRO