Bitcoin: arriva il primo bancomat di nuova generazione

Condividi
3 min lettura
Startup

Se ne sente parlare già da tempo, ma le recenti “oscillazioni” hanno portato i bitcoin al centro di una più ampia discussione che tocca temi finanziari, di sicurezza e trasparenza. Un bene virtuale, che può essere utilizzato come mezzo di scambio o investimento. Che cosa ci si può comprare? Caffè, spesa o un passaggio in taxi, fondamentale è che l’esercizio commerciale in questione sia dotato di un sistema POS adeguato. I bitcoin si custodiscono in un portafoglio digitale, da qualche tempo accessibile tramite bancomat. Ad introdurre la novità i nostri tagger di Chainblock, che hanno recentemente installato il primo ATM di nuova generazione nel nostro campus di Talent Garden Calabiana.

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Simone Monetti, CTO di Chainblock per scoprire di più sul futuro del loro progetto.

1. Come nasce l’idea di Chainblock?

Chainblock (ex Robocoin Italia) nasce nel 2013 come prima azienda italiana nel settore Bitcoin, proponendosi come punto di riferimento del settore e come operatore di Bitcoin ATM (bancomat), unico strumento fisico e di facile accesso per acquistare Bitcoin e le principali valute digitali.

2. Avete installato il primo ATM di nuova generazione a Talent Garden Calabiana. Quali sono le funzionalità del bancomat?

L’ATM di nuova generazione consente di comprare e vendere bitcoin, ethereum e litecoin attraverso uno schermo da 23’’ e consente, inoltre, di generare in tempo reale una wallet card fisica da inserire nel portafogli per conservare in sicurezza le proprie valute digitali. La wallet card dispone inoltre di tecnologia NFC, tramite la quale sarà possibile pagare direttamente attraverso i POS che installeremo in varie location italiane nel corso del 2018.

3. Quanti ATM avete installato finora e quanti ne installerete in futuro?

Ad oggi contiamo sei Chainblock ATM attivi sul territorio nelle città di Milano, Firenze, Torino, Alba. Abbiamo inoltre installato un “temporary ATM” a Genova, iniziativa che contiamo di continuare a riproporre nel corso del 2018 in varie location e città italiane per far conoscere al meglio le nostre soluzioni ATM.

4. Chi sono i vostri utenti tipici?

Ad oggi contiamo utenti di ogni età e tipologia. 65% uomini, 35% donne, prevalentemente nella fascia 25-40 ma contiamo sempre più utenti anche nella fascia 40-60 e in sempre più casi anche persone over 60. Ci teniamo molto a fornire un customer care efficiente e seguire tutti i nostri clienti per aiutarli ad affacciarsi facilmente al mondo Bitcoin.

5. Siete tagger di Talent Garden Merano, perché avete deciso di lavorare all’interno di questo spazio? Quali sono gli aspetti che preferite?

Talent Garden è sempre stato un partner strategico sia a livello di location che a livello di sviluppo business, contando ad oggi due ATM installati nelle sedi Talent Garden a Milano (Talent Garden Calabiana e Talent Garden Merano). Lavorare all’interno di Talent Garden ci permette inoltre di avere un contatto diretto con i nostri clienti e di dialogare coi migliori professionisti presenti sul mercato italiano, così da generare collaborazioni preziose per lo sviluppo dei nostri progetti

6. Quali sono i vostri progetti nel breve termine?

A breve lanceremo Chainblock Buy, piattaforma online di acquisto bitcoin, ethereum e litecoin. Così facendo permetteremo di acquistare in maniera facile, sicura e trasparente le principali cryptocurrency e fornire supporto tecnico in italiano, punto su cui cerchiamo di lavorare al meglio per aiutare tutte quelle persone che ad oggi hanno ancora timori o paure legate alla tecnologia Bitcoin. Ci occuperemo inoltre di integrare dei POS fisici all’interno della nostra offerta commerciale e permettere così di acquistare e spendere facilmente i propri bitcoin. Infine, stiamo lavorando attivamente (anche con Talent Garden) per dare un contributo sempre più attivo a livello divulgativo e formativo con una divisione di Chainblock che prenderà il nome di Chainblock Edu.

Leggi anche: Coworking: 5 trend del 2018