Il materasso diventa digitale: a Talent Garden UBI Banca nasce IRO

Condividi
4 min lettura
Startup

Viviamo anni di grandi cambiamenti, di innovazioni tecnologiche che sempre di più permeano la nostra vita quotidiana: non parliamo solo delle grandi invenzioni, ma anche delle re-invenzioni di cose che già esistono e che possono portare nuovo valore.

Talent Garden UBI Banca ospita una di queste realtà frutto di una trasformazione digitale: IRO. Abbiamo intervistato Albero Trussardi, founder del campus di Bergamo, che ha visto nascere in prima persona questo progetto innovativo.

1. Come nasce il progetto IRO e di cosa si tratta esattamente?

IRO nasce dalla riflessione di Mondoflex, azienda di produzione e vendita materassi con un’esperienza decennale nel settore, nei confronti del digitale e delle potenzialità dell’ecommerce. In particolar modo, l’obiettivo era quello di ridefinire un’attività tradizionalmente svolta in negozio grazie ad un nuovo approccio che permettesse la creazione di uno shop online aperto 24 ore su 24 che spedisse il prodotto scelto direttamente a casa del cliente. È qui che è entrato in gioco Talent Garden UBI Banca.

2. In che modo Talent Garden UBI Banca ha contribuito alla nascita di questo progetto?

Nel suo ruolo di collettore di aziende proiettate sul futuro e sul digitale, Talent Garden UBI Banca, situato nel cuore pulsante del centro di Bergamo, ha creato l’occasione d’incontro tra due aziende diversissime tra loro: Mondoflex, appunto, e DNH – Investment Partners, che mira a sostenere le iniziative digitali più promettenti. Talent Garden UBI Banca ha messo in contatto queste due realtà, che altrimenti non avrebbero mai avuto l’occasione di confrontarsi, scambiarsi idee ed integrare i rispettivi campi di competenza, uno estraneo all’altro: questa è proprio la filosofia di tutto il network internazionale di Talent Garden: creare l’ambiente ideale per la compenetrazione di esperienze e di know-how differenti, per creare nuove idee e nuove realtà. Mondoflex e DNH hanno così fondato IRO e si sono stabiliti in Talent Garden UBI Banca.

3. Quali sono gli aspetti positivi del lavoro all’interno di questo spazio di coworking?

Talent Garden UBI Banca ha ospitato tutte quelle attività, operative e non, per mettere a sistema, integrare, unire e fondere queste due aziende in un’unica, coerente realtà. All’interno di Talent Garden UBI Banca, la neonata IRO ha avuto modo di crescere vicino alle altre società già operanti nel digitale ospitate all’interno dello spazio di coworking: lavorando fianco a fianco con queste altre realtà, IRO ha potuto vivere una crescita accelerata grazie agli stimoli e alle occasioni di confronto, di apprendimento e di scambio reciproco di esperienze, offerte dall’ambiente e dalla filosofia di co-working di Talent Garden UBI Banca.

4. Quali sono le sfide maggiori che state affrontando nel lancio della piattaforma di ecommerce?

Dobbiamo affrontare le tipiche sfide di un ecommerce nascente: farsi conoscere e guadagnarsi la fiducia degli utenti. Anche qui, abbiamo avuto modo di confrontarci con altre società in Talent Garden UBI Banca per avere preziosi spunti su come superare questi ostacoli.

Il primo punto si spiega da solo, una qualsiasi nuova attività deve far parlare di sé, deve incuriosire, deve essere trovata dai potenziali clienti: per questo stiamo gestendo una campagna multicanale su Google, social media e, nel prossimo futuro, anche in TV con uno spot televisivo.

L’altro aspetto è quello della fiducia: le persone vogliono garanzie quando spendono soldi online e noi dobbiamo dimostrarci all’altezza delle loro aspettative. Meccanismi di sicurezza sul sito, dettagliate informazioni legali, partnership con organizzazioni di certificazione terze, customer care dedicata e soprattutto un periodo di prova per il materasso.

Quest’ultimo punto è fondamentale per convincere le persone ad acquistare un prodotto del genere online: molti ancora vogliono provare a sdraiarsi, a sentire la sua portanza prima di comprarlo, perciò vanno in uno dei classici negozi fisici. D’altronde come si può veramente capire se un materasso è adatto dopo pochi minuti, in un ambiente pubblico sotto gli occhi ansiosi di un venditore? Così abbiamo pensato alla prova di 120 giorni, che permette al cliente di dormire su IRO nella comodità di casa propria, notte dopo notte, per capire al meglio le qualità del prodotto. In caso il materasso non risulti adatto, il cliente potrà chiedere di portarlo via, con la restituzione completa della somma d’acquisto.

5. Quali sono gli sviluppi futuri?

Recentemente abbiamo affiancato una linea di cuscini al materasso e pianifichiamo di aggiungere ulteriori prodotti correlati per creare un’esperienza completa. Puntiamo a potenziare la penetrazione nazionale con cluster targeting per poi raggiungere il mercato europeo entro 3 anni.

6. Quali best practice condividereste con chi decide di potenziare le proprie vendite attraverso l’utilizzo di canali digitali?

Fai sempre parlare bene di te: cura la tua comunicazione, organizza il tuo piano editoriale in maniera coerente e crea contenuti il più frequentemente possibile attraverso più canali. Ogni nuova attività deve farsi conoscere e all’inizio è una strada molto in salita, bisogna lavorare in un’ottica di medio-lungo periodo per costruire una reputazione online, indicizzare i contenuti e creare un passaparola per portare nuovi clienti, andando oltre la relazione meramente commerciale e instaurando un rapporto empatico ed emotivo attraverso quello che pubblichi online. Le migliori aziende sono sempre quelle che creano un’esperienza.

Non smettere mai di informarsi: impara nuovi strumenti, approfondisci quelli che già conosci e aggiornati su ogni novità che ti possa riguardare. La conoscenza è potere in questo ambiente.

Sii mobile: ad oggi il 69% del tempo trascorso su internet è speso da mobile, qualsiasi forma digitale decidi di adottare deve ben adattarsi alle logiche mobile, sia come specifiche fisiche (grandezza schermo, touch), sia come comportamenti (abitudini di navigazione, condizioni di fruizione) perché c’è una buona probabilità che i tuoi potenziali clienti ti trovino da mobile e se non sei mobile-friendly la loro prima impressione potrebbe essere irreversibilmente pessima.

Usa ogni strumento a tua disposizione: Google Adwords, Facebook Advertising, pagine e profili sui social media, newsletter, strategie SEO… Il successo è la somma di azioni, anche piccole, portate avanti in parallelo su vari canali e con logiche diverse.

Confrontatevi sempre: è normale avere fiducia nelle proprie idee, ma a volte ciò ci rende miopi. Avere altri punti di vista è fondamentale, per crescere e trovare nuove soluzioni: l’esperienza di coworking in Talent Garden UBI Banca è stata molto importante sotto questo aspetto.

 

Leggi anche: HiCan, il letto IoT per un riposo super tech