Lista definitiva dei tool di Digital Transformation: 3° step

Superato il livello implement, hai compreso chi sono i tuoi clienti e quali sono i loro bisogni, hai revisionato i processi e definito con precisione i tuoi obiettivi utilizzando consapevolmente i dati. E adesso? Conosci bene l’organizzazione, le sue potenzialità future. Hai compreso l’importanza dell’Innovazione culturale, a fianco di quella tecnologica, e hai abilitato, attraverso l’utilizzo dei dati, il Change Management verso l’accelerazione di nuovi percorsi di trasformazione.

Sei prossimo a terminare con successo il percorso di Digital Transformation, ecco gli ultimi tool che ti aiuteranno!

LIVELLO OPTIMIZE

1. 5 Whys

5 Whys è una tecnica per scoprire il vero bisogno o problema che si cela dietro altri falsi problemi, più superficiali. Mettendo in discussione più volte (almeno 5) la risposta ottenuta dal primo “Perché” è possibile indagare sempre più in profondità.

STEP BY STEP

1. Poni la prima domanda, ad es: Perché un utente dovrebbe comprare il tuo prodotto?

2. Ottenuta la risposta continua a indagare ponendo la seconda domanda “Perché?

3. Prosegui almeno fino al quinto “Perché” per ottenere una risposta più veritiera possibile

L’obiettivo è giungere a una comprensione maggiore e dettagliata del problema che si vuole risolvere.

2. 8 Steps to Accelerate Change

Perché il cambiamento possa consolidarsi all’interno dell’organizzazione 8 Steps to Accelerate Change guida il Change Manager nell’identificazione degli step operativi, con un focus particolare su People e Process.

STEP BY STEP

1. Crea il senso d’urgenza: aiuta gli altri a rendersi conto della necessità del cambiamento e dell’importanza di agire subito

2. Riunisci il gruppo direttivo: una squadra con doti di leadership, credibilità, capacità comunicative, autorità, competenze analitiche e motivazionali

3. Sviluppa la visione e la strategia del cambiamento: spiega con chiarezza come il futuro sarà diverso dal passato e in che modo sarà possibile tradurre quella visione in realtà

4. Arruola gli agenti del cambiamento: identifica su base volontaria le persone che diffonderanno il cambiamento in tutta l’azienda

5. Abilita l’azione rimuovendo le barriere: rimuovi i processi, la burocrazia, l’inefficienza che rallenta o blocca il percorso di cambiamento

6. Genera successi a breve termine: fissa degli obiettivi che possano generare risultati positivi rapidamente

7. Sostieni l’accelerazione: continua a perseverare nel cambiamento, raggiungendo nuove vittorie e rimuovendo altre barriere

8. Istituzionalizza il cambiamento: accertati che i nuovi e positivi comportamenti siano efficacemente collegati a successi dell’azienda

Grazie all’utilizzo di 8 Steps to Accelerate Change, puoi sviluppare diversi elaborati, utili in molte fasi della Digital Transformation dell’azienda:

– Elevator pitch di presentazione della visione

– Elenco Agenti del Cambiamento

– Piano di comunicazione

– Piano di formazione

– Piano Quick-win

3. ADKAR Model

L’assessment ADKAR serve a delineare il percorso di cambiamento delle diverse persone e a valutare su una scala da 1 a 5 l’allineamento della persona verso il cambiamento previsto.

STEP BY STEP

1. Analizza le strategie di Change Management più appropriate,  seguendo le 5 sezioni di cui si compone il modello:

– Awareness, motivazioni che rendono necessario il cambiamento

– Desire, fattori e conseguenze (positive e negative) che creano il desiderio di cambiamento

– Knowledge, le competenze e conoscenze necessarie a supportare il cambiamento

– Ability, la capacità di utilizzare le competenze e conoscenze del punto precedente

– Reinforcement, attività e rinforzi che possono aiutare a mantenere il cambiamento avviato

2. Confrontati con il team direttivo e declina ogni parte in azioni strategiche di possibile implementazione all’interno dell’organizzazione

L’ADKAR Model introduce l’organizzazione al processo di innovazione culturale e rende possibile la promozione del suo sviluppo. Concretamente l’ADKAR Model ti aiuta a definire la mappa di allineamento indirizzata al cambiamento e il piano di azione per colmare eventuali gap emersi.

4. Culture map

È uno schema che permette di analizzare la cultura di un’azienda e modificarla in base agli obiettivi da raggiungere.

STEP BY STEP

1. Compila  prima lo spazio centrale incollando un post it per ogni comportamento positivo o negativo tipico, diffuso all’interno dell’organizzazione

2. Successivamente nella riga superiore inserisci – sempre con dei post it – le conseguenze generate da ognuno dei comportamenti sottostanti

3. Nella riga più in basso individua infine i fattori scatenanti o di blocco

4. Una volta compilata la scheda l’ordine di lettura è dall’alto verso il basso

Il risultato finale è una mappatura a livello grafico (grazie ai post it colorati) dei comportamenti tipici (flussi di comunicazione, abitudini, processi ecc.) tenuti dalle persone all’interno dell’organizzazione, le relative conseguenze causate da questi e gli elementi che abilitano o bloccano il cambiamento della cultura aziendale.

5. Digital Transformation Radar

Il Digital Transformation Radar è uno strumento diagnostico-operativo per le aziende per rappresentare e comprendere il proprio livello di digitalizzazione e per identificare gli elementi rilevanti per la propria strategia di trasformazione digitale, focalizzati su People, Processes e Technology.

STEP BY STEP

Il canvas è un radar, diviso in un’area superiore (Out) e una inferiore (In). I tre assi del canvas rappresentano i settori dell’organizzazione: People, Processes e Technology. Infine il radar è suddiviso in 4 sezioni concentriche:

  1. la parte più interna rappresenta il valore aziendale, Capital verso In e Brand verso Out
  2. il livello immediatamente più esterno contiene gli elementi specifici di ogni settore, In Team & Culture, Organization e Tool e in Out Customers, Relationship e Product & Services
  3. quindi ci sono i dati che permettono di descrivere o caratterizzare o tipici di quel settore
  4. e infine, all’esterno, c’è l’ambiente, tutta quella parte di sistema su cui l’organizzazione non può intervenire direttamente

Per ogni settore, partendo da quello che l’azienda considera più critico:

  1. Identifica le fonti di rendita economica
  2. Individua gli elementi su cui il brand si basa
  3. Riconosci gli elementi che descrivono e caratterizzano il settore, ad esempio: Quali sono gli elementi chiave della vostra cultura aziendale? Quali sono i processi più importanti/chiave? Quali sono le tecnologie più importanti per creare il valore dell’azienda? Chi sono i principali segmenti di clientela? In che modo l’organizzazione si relaziona ed entra in contatto con i propri clienti? Cosa offre l’organizzazione ai propri clienti?
  4. Seleziona i dati disponibili e quelli che si utilizzano per prendere decisioni
  5. Osserva gli elementi esterni all’organizzazione che influenzano ciascun settore.

Questo strumento è un ausilio nella creazione di una strategia digitale olistica e di supporto nella definizione del suo piano di attuazione. Esso consente, infatti, di identificare gli elementi che compongono il valore dell’azienda e gli elementi di supporto alle decisioni.

6. Platform Model Canvas

Platform Model Canvas è uno strumento strategico che utilizza un linguaggio visuale per progettare i componenti principali e le strategie di implementazione/crescita di una piattaforma, intesa come la infrastruttura fisica o tecnologica su cui si basano modelli di business snelli, veloci e change-oriented. Questo strumento può essere utilizzato anche in fase di analisi di un’azienda.

STEP BY STEP
  1. Identifica nel quadrante “company problems” quali sono i problemi attuali dell’azienda
  2. Identifica nel quadrante “Market Disruption” quali sono le disruption più imminenti nel mercato di riferimento
  3. Identifica nel quadrante “Company Disruption” quale disruption metterà in crisi l’azienda
  4. Identifica nel quadrante “Assets” quali servizi mettere a disposizione per risolvere il problema
  5. Identifica nel quadrante “advantages” quale vantaggio competitivo puoi costruire grazie a un’offerta che mette in relazione diversi servizi
  6. Identifica nel quadrante “offering” un’offerta che si può strutturare per mettere in relazione questi diversi servizi
  7. Identifica nel quadrante “elevator pitch” la struttura del pitch del progetto con nome e descrizione

L’output finale del Platform Model Canvas è una valutazione dell’offerta aziendale rapportata ai principali stakeholder, al fine di valutare rischi legati ai servizi e al mercato. Inoltre può essere utile nella progettazione di servizi che supportano partner e peers per costruire più valore, migliorando notevolmente la resilienza.

Leggi anche: Lista definitiva dei tool di Digital Transformation: 1° step

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità