Quale storia si nasconde dietro un piatto? Il food blogging di #DomenicaDaCla

Da quando il cibo è su Instagram, la macchina fotografica è diventata importante quanto la forchetta nell’esperienza del cibo. Oggi ci sono più di 194 milioni di foto taggate #food sul social network e 103 milioni con #foodporn. Le persone sono ossessionate dal cibo e da quello che mangiano, ma per gli appassionati di cucina come è possibile costruire un proprio progetto ed emergere in un mercato così saturo?

Ne parliamo con Claudio Fallica, studente della seconda edizione di Growth Hacking Marketing, Digital Marketing Manager e cuoco per passione che ha dato vita a #DomenicaDaCla.

T: Che cos’è #DomenicaDaCla?

C: Un progetto social-culinario: un ospite diverso ogni settimana, un pranzo da condividere, una storia da ascoltare e da raccontare. È nato quasi per gioco, come esperimento, è cresciuto fino a diventare un blog vero e proprio www.domenicadacla.com.

T: L’ennesimo blog di cucina: cosa veramente lo differenzia dagli altri?

C: La mia scelta è stata quella di aprire un blog che parla di cucina attraverso le storie straordinarie condivise dagli ospiti che di domenica in domenica accettano di sedersi a tavola con me. La struttura è molto semplice: scelgo un ospite per ogni settimana e invento per lui un piatto, scegliendo ingredienti e preparazione a partire da un dettaglio della sua storia che mi ha colpito. Da qui nasce un incontro fatto di gusto e sapore, sia nei piatti che nella conversazione: la Manager di BlaBlaCar che nel tempo libero fa la comica a cui ho preparato polpette con crema ai funghi champignon, o le due programmatrici che si sono fatte strada in un settore prettamente maschile alle quali ho preparato fettuccine di zucca con crema di noci.

T: Diciamo che si tratta di food blogging in chiave storytelling.

Lo storytelling è proprio la chiave di tutto. Per avere una voce tra migliaia di blog di cucina, è fondamentale trovare nuovi metodi per coinvolgere gli utenti e raccontare il cibo tramite le esperienze di chi quel piatto lo gusta, dando una nuova lettura al mondo del food. Un modo inedito di rapportarsi alla cucina, dunque, e anche alla tecnologia: il contenuto del blog non è come da tradizione la classica ricetta, ma piuttosto la storia che si nasconde dietro al piatto. In questo modo il blog coinvolge, appassiona, crea un legame forte e significativo, incoraggiando gli utenti ad andare oltre la semplice ricerca di un modo gustoso per soddisfare il palato degli ospiti.

T: Come l’esperienza in TAG Innovation School ha influito sul tuo blog?

C: Obiettivo di #DomenicaDaCla è sempre andare oltre i confini, sia nella realtà che sul web. Il Master part time in Growth Hacking Marketing mi sta aiutando a lavorare in questo senso, ad allargare i miei orizzonti in modo da potermi confrontare con persone che comprendono le dinamiche del mondo digitale anche se appartengono a differenti settori. Questo fa si che il progetto possa essere analizzato sotto punti di vista differenti e a volte inaspettati. Inoltre, l’approccio puramente digital del Master mi ha permesso di studiare soluzioni e strategie davvero efficaci che mi stanno aiutando a far crescere il progetto giorno dopo giorno.

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità