GoinGirls: la app che rende la città sicura per le donne

Sorry, this entry is only available in Italian.

Quante di voi hanno desiderato una app che renda il percorso verso casa più sicuro?
È proprio su questo bisogno che si basa l’idea vincente dell’hackathon Smart Girls, Smart City, la maratona di idee femminili promossa da Lenovo che si è svolta nel campus di Talent Garden CalabianaLa gara nata per mettere al centro le donne e la loro voglia di progettare un nuovo modello di città attento alle esigenze femminili, ha visto come protagoniste le studentesse di UX Design Master Laura Parenti e la vincitrice Ilaria Cuccaro, che assieme al suo team GoinGirls, è salita sul podio.

Abbiamo deciso di intervistare Ilaria che ci ha raccontato del progetto che ha ideato assieme a Giulia Sorgiacomo, Arianna Vertuani, Sofia Telatin e Tatsiana Valynets.

T: Com’è nata l’idea di GoinGirls? Di che cosa si tratta esattamente?

I: L’idea originaria di GoinGirls è nata durante un workshop di UX Design Master.
Durante la prima fase di ricerca, è stato riscontrato che più dell’80% delle donne intervistate avverte la necessità di sentirsi sicura durante i tragitti serali, da e verso casa, all’interno della città di Milano.
Queste stesse donne hanno palesato la voglia di sentirsi autonome negli spostamenti, di annoiarsi durante l’attesa dei mezzi pubblici, e di adeguare talvolta il proprio abbigliamento al modo in cui si muoveranno nella città. Il 100% delle intervistate si sentirebbe più sicura se i tragitti urbani fossero condivisi con altre donne. Successivamente, con il team di GoinGirls formatosi durante l’hackathon Smart Girls – Smart City, abbiamo approfondito la tematica, implementato idee e funzionalità come, ad esempio, la mappatura dei percorsi più sicuri e i check point. GoinGirls nasce quindi da un’esigenza reale e altamente condivisa, e questo è sicuramente uno dei suoi punti di forza.

T: Come si presenta la app?

I: La app GoinGirls ha un’interfaccia molto semplice e intuitiva, e con pochi semplici passi ti dà la possibilità di:

  • condividere fisicamente il percorso con un’altra donna o più donne iscritte alla community;
  • geolocalizzarsi e registrarsi tramite l’app in check-point sicuri predefiniti (bar, ristoranti, pub,…) durante il percorso;
  • trovare il percorso più sicuro da fare e valutarlo (sicuro o non sicuro) una volta arrivati a destinazione;
  • scegliere la modalità con la quale si vuole condividere o meno il percorso (BikeMe, ShareandGo,…) e ricercare possibili eventi vicino, o non, al punto in cui ci si trova.

T: Qual è il valore aggiunto di questo servizio?

I: GoinGirls è utile non solo per le donne, ma anche per la città stessa per diversi motivi:

  • la app potrà essere un sistema utile per ristoratori o altri enti che vogliono aprire un’attività ma non sanno ancora precisamente in quale punto, grazie alla raccolta di Big Data;
  • la app è un’opportunità per i diversi servizi di car-sharing e BikeMe del Comune di Milano,
  • la app è interessante per le attività che vogliono promuovere i propri eventi, in quanto, nell’app c’è una sezione dedicata alla sponsorizzazione e localizzazione di questi ultimi.

T: Quali sono i possibili orizzonti di sviluppo?

I: Sicuramente crediamo molto in GoinGirls e siamo pronte a investirci tempo e creatività, ma nello stesso tempo siamo consapevoli che abbiamo ancora tanta strada da fare. Per ora ci stiamo adoperando nella ricerca di possibili acceleratori per start-up che toccano il tema del tech e della sicurezza nelle città. I possibili orizzonti di sviluppo sono sicuramente rendere GoinGirls una realtà, prima di tutto nella città di Milano, e in futuro a livello mondiale, in particolare nelle città dove la criminalità è ad un livello molto alto.

 

Sign up to our newsletter

Stay up to date with all the latest news